Archivi tag: tragedia

Schiuma in pista

E’ successo di nuovo, quattro mesi dopo. Stessa pista, più o meno stessa dinamica. Questa volta l’aereo è un po’ più grande.wizzair
E’ il Wizz Air che da Bucarest vola a Roma Ciampino.
 Ma a 6 chilometri di altitudine, il pilota si accorge che uno dei due carrelli non si apre.
E chiede di atterrare a Fiumicino.
Questo video esclusivo mostra l’atterraggio, la fuga dei passeggeri, la schiuma bianca lanciata dai vigili del fuoco per impedire che la fusoliera si incendiasse.

VIDEO

E’ andata bene, come 4 mesi fa, con il volo Carpatair/Alitalia. E’ andata bene ma comincia  a capitare un po’ troppo spesso.

Annunci

Ciao Presidente

Sale per ultima e nemmeno me ne accorgo. Solo quando si rialza per sistemare trolley e impermeabile nella cappelliera, la riconosco. Ha i modi fulminei di chi ha passato quasi più tempo in aereo che a casa.az
Laura Boldrini l’ho conosciuta, come tanti colleghi, a Lampedusa.
Era con noi sul molo, ad aspettare i barconi.
Era con noi quando serviva un’intervista al volo.
Era con noi da Roma, quando ti chiamava, ringraziando per la sensibilità mostrata in un pezzo.
Quando la vedo sull’AZ Genova Roma ho l’istinto di alzare la voce e dire: “Ciao, Laura!”.
Ma mi fermo, davanti alla Presidente della Camera dei Deputati.
L’aereo decolla e comincio a calcolare la distanza che ci separa. Io sono seduto al 25C, lei almeno dieci file più avanti. Sarà al 15C. Vuol dire quasi 60 persone tra di noi. Poi inizio a pensare a come salutarla. E vado in tilt.
Continua a leggere


Fronte del porto

Me lo avevano raccontato sempre e non ci avevo creduto mai. Ora che tutto sta per finire, so che avevano ragione. Che era tutto vero.FRONTEDELPORTO
Questa è un’altra cosa. Un’altra città, comunità, famiglia.
Sono 30mila e sono orgogliosi, ostinati, testardi. Ruvidi come la buccia delle ananas appena scaricate e morbidi come la schiuma del cappuccino con cui accompagnano la focaccia del mattino.
Se ti alzi presto e passi il varco che li separa dalla città, vedi cose che non avresti immaginato.
Fronte del porto, Genova.
Ognuno qui indossa una pettorina, una tuta, una divisa. Le loro insegne sono eliche, delfini, ancore, onde e rose dei venti.
Vivono sospesi per aria, nella cabina di comando di una gru. Fanno aprire e chiudere il mare, dentro enormi bacini di carenaggio. Trattano lo scafo di una nave come il corpo di una donna. Continua a leggere


…- – -…

Ora voi fermatevi un attimo. Concentratevi. Siete su una spiaggia:
le scarpe a mollo, una busta di plastica con poche cose dentro, un pacchetto di biscotti, una bottiglietta d’acqua. I vostri soldi passano di mano e  voi salite sulla barca. Stretti, pigiati, il cuore a mille.
Passate tre giorni in mare. Il motore fermo, le onde sempre più alte, lo scafo di legno e ruggine sempre più zuppo e voi sempre più impauriti. Il cuore a diecimila.
Poi finiscono i biscotti, finisce l’acqua e anche il cuore comincia  a rallentare.
A quel punto vi viene in mente una cosa assurda.
Ma che diavolo vuol dire S.O.S?
Save our ship? Soccorso occorre subito? Save our souls?
Vi ricordate solo il suono del codice morse. E’ indimenticabile: … – – -…
Tre punti/tre linee/tre punti.
Ma tanto non c’è nessuno strumento a bordo per lanciare l’allarme. E’ solo un pensiero assurdo, prima di affondare.

Ho scritto queste quattro righe, l’anno scorso a Lampedusa, dopo l’ennesimo naufragio di un barcone. Le parole sono come un guanto. A volte valgono sia per una barca stipata di migranti che per un transatlantico affollato da croceristi.