Archivi tag: polizia

Schiuma in pista

E’ successo di nuovo, quattro mesi dopo. Stessa pista, più o meno stessa dinamica. Questa volta l’aereo è un po’ più grande.wizzair
E’ il Wizz Air che da Bucarest vola a Roma Ciampino.
 Ma a 6 chilometri di altitudine, il pilota si accorge che uno dei due carrelli non si apre.
E chiede di atterrare a Fiumicino.
Questo video esclusivo mostra l’atterraggio, la fuga dei passeggeri, la schiuma bianca lanciata dai vigili del fuoco per impedire che la fusoliera si incendiasse.

VIDEO

E’ andata bene, come 4 mesi fa, con il volo Carpatair/Alitalia. E’ andata bene ma comincia  a capitare un po’ troppo spesso.

Annunci

Piccoli indizi senza importanza

Sono quasi due giorni che non riesco a pensare ad altro. Precisamente da quando mi hanno chiamato e dato le coordinate di quella storia.foto (17) Centro città. Sottopassaggio. Incendio.
Due corpi carbonizzati.
Dentro al tunnel è tutto nero. L’odore è forte, troppo, viene da respirare con la bocca per non sentire.
Il fuoco è stato talmente  intenso qui dentro che i rivestimenti in pietra del soffitto si sono staccati e sono crollati.
In terra restano solo gli scheletri anneriti delle reti da materasso sul quale dormivano due persone.
Come nei film e come nei romanzi gialli, il Commissario indossa un impermeabile beige e dispensa certezze.
La Polizia non ha dubbi.
“Erano due somali, abbiamo trovato i documenti. Dormivano nel sottopassaggio e per scaldarsi hanno acceso un fuoco. Le fiamme si sono mangiate prima i cartoni, poi le coperte e infine i materassi sui quali dormivano. Tutta roba sintetica, ci vuole un attimo. Un incidente, un terribile incidente”.
Poi però succede qualcosa e il mistero prende forma.
Continua a leggere


L’odore dei lacrimogeni

E’ stato un attimo. Mi è squillato il telefono, mi sono guardato in giro, ho visto che la nube bianca latte era svanita, e mi sono tolto la maschera antigas. Non dimenticherò mai l’odore, la sensazione di prurito dentro al gola, ti viene quasi da sognare di avere delle mani che grattano tra la faringe e i polmoni.
E’ solo una mia piccolissima istantanea della battaglia in Val di Susa. Tre ore in mezzo. Da una parte scudi, manganelli e caschi, lacrimogeni, idranti e pallottole di gomma. Dall’altra cappucci neri, maschere da subacqueo, fazzoletti zuppi d’acqua su bocca e naso, pietre, bottiglie  e bastoni.

Il servizio del Tg1