Archivi tag: parto

5 X 1 : 1 X 5

L’ultima volta i muri erano coperti di scritte. Oggi domina un cartello che dice:
“Cari genitori, zii, nonni, parenti, date al vostro bambino un primo segno di civiltà: scrivete le vostre emozioni nell’apposito quaderno”.
E così mi ritrovo a sfogliare questo assurdo quadernone. Benvenuto Nathan, benvenuta Jasmina, benvenuta Asia. Forse dovrebbero vietare per legge la vendita di quei libri dal titolo “Tutti i nomi per tuo figlio/a”. Il romanesco domina tra le righe “sei la gioia de zia”; il calcio inquina: qualcuno ha scritto “un altro lupacchiotto tra noi”, un’altra penna ha aggiunto “demmmerda”; santi e dei vengono ringraziati in questo rituale scribacchino.
Un padre ha azzardato un fumetto.
“E so tre” dice un uomo con la faccia orgogliosa, gongolante e con pollice, indice e medio tesi. Tra poco ti raggiungo, penso. Continua a leggere

Annunci

Tra Indianapolis e ostetricia su un taxi cubano

Solo davanti al cofano alzato e al fumo bianco sputato dal motore, il ragazzo riesce a riavvolgere il nastro di quella assurda mattinata.
Ha dormito poco e s’e’ alzato presto. Ha fatto bene e lo ha capito quando la sua compagna ha gridato aaaaahrggggggh e si è presa il pancione tra le mani.
“8 novembre, forse cade il governo, sicuro divento padre di due gemelli” , il suo assurdo pensiero.
E’ salito in macchina, la ragazza alla sua destra, l’altro bimbo stretto al seggiolino.
E poi ha cominciato a spingere. Come solo nei film.
Prima, seconda, frizione, sgasata, terza, frenata, seconda, sgasata, quarta, quinta. vai, vai, vai. Quattro frecce, una sciarpa fuori dal finestrino, il clacson sotto il dito.
Continua a leggere