Archivi tag: malattie

Effetti desiderati

Io credo nel bugiardino.  Mi rassicurano le sue indicazioni, accetto volentieri le sue precauzioni, giro alla larga da possibili controindicazioni, studio le sue interazioni e avvertenze speciali, mi adatto alla sua posologia.
Ho imparato quest’inverno, prima mica era così.farmaci
Prima no, non mi ammalavo mai.  Ma ora a casa mia, in arrivo direttamente dal nido comunale e dalla scuola materna, girano i peggiori germi, i batteri più cattivi, i virus più agguerriti.
Roba da laboratorio supersegreto per la guerra batteriologica.
Ed è così che ho imparato a leggere quelle righe scritte fitte fitte, quei componenti coi nomi  da mitologia greca: ergotamina, azitromicina, ciclosporina, midazolam, teofillina.
Anche ora, che è quasi estate, non riesco a liberarmente.
E allora giù di Zitromax, Fluimucil, Ventolin.
Aria, aria, aria.
Era ora!
Inspira, espira, respira.
E quando mia madre al telefono mi chiede: “Ma hai provato col propoli?”, la risposta è solo una.
Io non credo nelle api. Io credo nella chimica farmaceutica.

Annunci

Taras mon amour

Quando decisero che lì doveva sorgere la città più bella del mondo, le stesero ai piedi due mari: uno lo srotolarono davanti al suo viso, l’altro lo adagiarono alle sue spalle. 
Il primo mare aveva la forma di una bocca spalancata verso l’orizzonte, dove si stagliava un piccolo arcipelago di isolotti tutti sabbia e sassi.
Il secondo mare, quello interno, ricordava il seno di una donna.
E proprio come il seno di una donna, era ricco di vita: sorgenti naturali di acqua dolce, conchiglie e molluschi, delfini.
A dividere i due mari e a unire la terra, una penisola e un’isola.
E fu su quell’isola che cominciarono a costruire la città. Prima fecero i ponti, poi le case bianche e dorate, i templi, infine le mura e il castello.
A presiedere i lavori di costruzione della città era Taras, figlio di Poseidone e della ninfa Satyria. Al termine del cantiere, Taras la guardò soddisfatto:quella città ora sembrava uscita da una fiaba. Continua a leggere