Archivi tag: mafia

Et des Palmes

Ci ho trascorso parecchie notti. Ogni corridoio, ogni stanza, ogni arredo trasudavano storia e leggende.grandhotelsdespalmes
I muri sembravano parlare e raccontare di summit mafiosi, di jazzisti maledetti, di presidenti, regine e premi nobel,di accademici, spie e attori. E’ una brutta notizia,la chiusura del Grand Hotel Et Des Palmes.
E qualcuno un giorno, proprio lì dentro, mi raccontò la storia di un boss che la Cupola mise al confino in una delle sue lussose stanze. Ne nacque un racconto. Questo.
 
La 512

Le porte sono tutte uguali, certo. Ma dentro, le stanze d’albergo sono una diversa dall’altra. Prendono la forma di chi ci vive per un po’, le ore o i giorni. Katia lo sa bene. Perchè dentro quelle camere  lei consuma la sua vita. Ogni giorno, le tocca il quinto piano del San Babila Luxury Hotel. Dalla 501 alla 540. Trentanove stanze in apparenza tutte uguali.

Katia entra, si guarda intorno, sistema il carrello con asciugamani, saponette, bagno schiuma, shampo, cioccolatini, caramelle, matite e poi comincia.

Continua a leggere

Annunci

Nel nome del padre

E’ tornata in quella curva maledetta dove hanno ammazzato suo padre per piantare un albero.
Un ulivo calabrese, una pianta che infila le radici tra sassi e muretti a secco, che vive là dove altre non riescono. Tenace, testarda, coraggiosa.
Proprio come lei.
Aveva 7 anni quando due sicari spararono con un fucile a pallettoni contro l’auto di suo papà.
Girava senza scorta, Antonino Scopelliti, sostituto procuratore in Cassazione.
“Se mi succede qualcosa, non voglio coinvolgere altre persone. Tanto se lo devono fare, lo fanno”, diceva.
Due processi non hanno individuato né assassini né mandanti per quell’omicidio del 9 agosto 1991, esattamente 21 anni fa.
Rosanna per quindici anni non ne ha voluto sapere niente. Raccontava in giro che suo papà era morto in un incidente automobilistico.
Poi ha conosciuto i ragazzi del movimento “Ammazzateci tutti” e ha capito che ricordare è lottare e lottare è vincere. Si è unita a loro e da cinque anni, Rosanna combatte la ‘Ndrangheta nel nome di suo padre.

GUARDA IL VIDEO