Archivi tag: abruzzo

Quando il bimbo gridò “Alliva l’onda!”

Allergia al pesce e spiccata sensibilità al mal di mare. Per quanto anomalo, sono un ragazzo del Tirreno.
Cresciuto con una finestra sul golfo, punta estremo nord di quel mare, dove quasi entra dentro al centro storico di Genova. E lo ammetto. Da buon ragazzo del Tirreno, ho sempre disprezzato l’Adriatico.
Lascia perdere Venezia, il Conero, il Gargano e la Puglia. Lascia perdere. Per un migliaio di chilometri l’Adriatico, da questa parte del mare, è solo  piatto, superficiale, marroncino, vittima della mucillagine, sabbioso fino alla noia, senza guizzi, senza scorci.
Mi inchino però oggi a questo mare grigiolino. Perchè mi ha regalato la gioia di vedere mio figlio correre dentro l’acqua per la prima volta e urlare entusiasta “Guadda papà! Alliva l’onda”.

Annunci

Il venditore di aquiloni

Nella G.Fa.Ce.R.V.A. (Grande Fabbrica Centralizzata per il Rifornimento dei Venditori Ambulanti) ci pensano tutto l’inverno.
Che cosa proponiamo agli italiani quest’estate in spiaggia? Il 21 marzo, con lo scoccar della primavera, la decisione viene presa. Rimangono solo tre mesi per avviare la produzione e completare la distribuzione. Deve funzionare per forza di cose così, perchè ogni anno, su tutte le spiagge d’Italia, i venditori ambulanti propongono tutti la stessa novita’, lo stesso prodotto, in mezzo ai soliti occhiali, pareo e collanine.
L’anno scorso sono arrivati i posacenere da spiaggia, trés chic & eco correct; l’anno prima ancora i braccialettini per concentrare le energie positive; l’estate 2009 gli elicotterini luminosi e così via a ritroso, fino ad arrivare alle cinture taroccate de El Charro, di paninara memoria. Quest’anno sono comparsi gli aquiloni da 5 euro. Tessuto e struttura da tenda per campeggio, colori psichedelici, una lenza da pescatore per ancorarli alla mano.

Quest’inverno, nella G.Fa.Ce.R.V.A, devono aver pensato che un aquilone poteva essere una buona idea per il paese che non vola e che non sogna più.