Regio sfregio

Da una finestra si intravedono addirittura panni stesi e mollette. Le automobili dei custodi sfrecciano tra i turisti davanti alla biglietteria. I quattro cortili sono trasformati in parcheggi. L’atrio è una lunga galleria di bancarelle e ambulanti: Pulcinella, magneti, guide e cartoline.
La scenografica cascata dell’immenso Parco Reale non esiste più e le fontane sono ormai a secco: l’acqua viene rubata a monte con allacci e tubi abusivi all’Acquedotto della Reggia.
Oubliez Versailles!
Questa è Caserta.
Fino a 10 anni fa, il Palazzo reale voluto da Carlo III di Borbone attirava quasi un milione di visitatori l’anno.
Oggi sono poco più di 500 mila.
Il complesso disegnato dal Vanvitelli è, per volumetria, uno degli edifici più grandi d’Italia: 1200 stanze divise su cinque piani. Ma nessuno le potrà mai visitare tutte.
Perché solo metà di un piano, il piano nobile, è aperta al pubblico.
La gran parte di questo gioiello settecentesco ospita gli uffici della Sovrintendenza dei  Beni Culturali, il Rettorato, la Scuola per la P.A. e soprattutto l’Aeronautica Militare.
Quasi la metà della Reggia di Caserta è ancora gestito dalla Scuola per sotto ufficiali della nostra aviazione.
Nel ’97,  l’UNESCO inserì la Reggia nel Patrimonio dell’Umanità e chiese all’Italia di escludere qualsiasi uso militare della struttura. Abbastanza comprensibile: un monumento così importante non può e non deve mai poter diventare bersaglio di guerra.
Ma in 15 anni nulla è cambiato.

GUARDA IL VIDEO

Annunci

Informazioni su Marco Bariletti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: