La stanchezza dello squalo

Lo squalo non dorme mai. Non può fermarsi e si riposa nuotando. Abbassa il livello d’attenzione del suo cervello, inserisce una sorta di pilota automatico e continua a scandagliare gli abissi.
Non è una leggenda metropolitana, è biologia marina.
Allo squalo manca la vescica natatoria e se si addormentasse, se smettesse di muovere pinne e coda, se si fermasse, morirebbe.
Deve essere stanco, lo squalo quando girovaga nella sua notte di acqua, scogli, alghe.
La mia notte è fatta di biberon e dosi di latte in polvere, poppate ogni 3 ore, cambi di pannolino, moduli inps per ottenere il permesso giornaliero, il lavoro in redazione, le code all’agenzia delle entrate per farsi assegnare codici BRLNTA11ETCETC,  BRLPTR32ETCETC, la scelta del pediatra, i bollettini delle poste per la baby sitter.
Ad ognuno il suo abisso.

Annunci

Informazioni su Marco Bariletti


2 responses to “La stanchezza dello squalo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: