Il signor N. e la signorina Giulia

Arrivò nel bel mezzo del pomeriggio e capì perchè quella grande città era così  ammirata nel mondo. Respiravi subito la storia, l’arte, la cultura in ogni suo angolo. Era maestosa, bella, intrigante. E per il signor N. sconosciuta. Aveva una settimana  a disposizione e pensava che con la sua misera lonely planet in tasca avrebbe concluso ben poco.
Così quando gli capitò tra le mani il volantino, non ci pensò due volte. Poteva permetterselo.
La mattina seguente si fece la barba e scese nella hall del grande albergo un po’ emozionato. Lei lo riconobbe subito. Si alzò dalla poltrona e gli andò incontro.
“Buongiorno signor N.  Mi chiamo Giulia e sarò la sua guida turistica personalizzata per questo suo soggiorno in città. Possiamo cominciare”
Furono cinque giorni meravigliosi, intensi, unici. Osservarono gli angoli più struggenti, le grandi piazze, le fontane, i palazzi, le chiese, i castelli, i ponti. Si persero nei vicoli più sconosciuti, fecero la spesa nei mercatini più autentici, mangiarono nei ristoranti più genuini.
Girarono in lungo e in largo per le antiche rovine e passarono davanti al palazzo presidenziale proprio mentre una gran folla si radunava e cacciava pacificamente il governo. Come era successo nelle altre capitali che si affacciavano su quel mare.
Al signor N. sembrava quasi di essere un cittadino di quella metropoli.
Ormai conosceva bene Giulia. La battuta sempre pronta, gli occhi sorridenti, le labbra morbide, le dita affusolate, la pelle luminosa.
Un giorno lei gli confessò un segreto: “Noi guide turistiche personalizzate dobbiamo farci delle iniezioni di frutta e verdura sotto pelle per mantenerla elastica e brillante. E’ scritto sul contratto che ci fanno firmare”.
In fondo agli occhi sorridenti di Giulia, il signor N. intravide il dolore di una ferita lontana. Qualcosa la turbava.
Al Museo d’arte moderna e contemporanea si emozionarono davanti ad una grande opera astratta. Il signor N. allungò una mano e intrecciò le sue dita con quelle della signorina Giulia.
La mattina seguente lei non si presentò nella hall dell’hotel, al loro consueto appuntamento.
Era strano. Il signor N. aveva diritto ancora a due giorni di tour personalizzato. Compose il numero dell’agenzia. Rispose un’altra signorina.
“Buongiorno, sono il signor N.”
“N. come Napoleone?”
“Beh, non esageriamo! N.come Novara”
“Non è questione di esagerare. Noi ci occupiamo di arte, cultura, turismo. E siamo addestrate per fare lo spelling citando i personaggi che hanno onorato la nostra città con la loro presenza nel corso dei millenni”
“Però….”
“Annibale, Botticelli, Churchill, De Foe, Einstein, Fallaci, Garibaldi, Hemingway, Ipazia, Joice, Yuri Gagarin, Kennedy,  Lutero, Michelangelo, Napoleone, Orwell, Proust, Quasimodo, Richelieu, Savonarola, Tolomeo, Ungaretti, Verdi, Wagner,  Zapata”
“Però, brave! La chiamo perché ho prenotato una settimana di tour personalizzato con voi e con la signorina Giulia. E la signorina Giulia oggi non si è presentata….”
“Lei sa perchè, signor N.”
“…..”
“Ieri al museo vi siete dati la mano e questo non è consentito dall’organizzazione…..lei ha così perso il diritto agli ultimi due giorni di tour, come previsto dal clausola 2, comma 5, lettera x del contratto che ha firmato”.
Il signor N. quasi si scusò e si incamminò verso l’albergo.
Si mise gli auricolari e fece scivolare il menù dell’iphone fino alla categoria brani casuali.  Non gli sembrò troppo casuale che il primo brano fosse una vecchia canzone dei Diaframma.
“L’odore delle rose è una reazione chimica/ se un giorno lo scoprissi non l’ameresti più” .
Era la prima volta che capiva quei versi. Era vero. Anche la meccanica dell’emozione più intensa e appassionante, è spesso deludente.
Cominciava a piovere e pensò a quanto grigia e brutta gli sarebbe sembrata quella meravigliosa città nei suoi due ultimi giorni di vacanza.

Annunci

Informazioni su Marco Bariletti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: