Fiaccole e insulti

Susa s’e’ riempita di fiaccole questa notte. Hanno sfilato in migliaia, i nonni e i nipoti, le famiglie al completo, quelli di mezza età, quelli che l’altro ieri erano su al presidio a prendersi i lacrimogeni, i ragazzi con i tromboni, i clarinetti, i tamburelli, le ragazze con le bandiere NoTav come un mantello. Tutti. Tutta la valle. Nessun violento, nessuno scontro, nessun poliziotto in giro. La gente della Val di Susa s’e’ ripresa la scena allegramente.
Ma non è stato facile lavorare, questa sera. La telecamera e il microfono da queste parti si trascinano dietro solo rabbia, insulti, risate di scherno. “Schiavo””Tanto non lo scrivi quello che vedi””Giornalisti servi””Bastardi””Andate via”.
Mi hanno circondato, accerchiato, urlato mille voci nelle orecchie. Ho cercato di capire le loro ragioni, il perchè di tanto odio, stratificato in anni, servizio dopo servizio, articolo dopo articolo.
La cosa che mi ha ferito di più è stata una ragazza che è sbucata fuori con l’indice puntato: “Il mio sogno era fare la giornalista, dopo aver visto come siete ho cambiato sogno”
Ho fatto l’unica cosa che mi sembrava giusto, possibile e onesto fare.
Parlare con loro, guardandoli negli occhi.

Il servizio del Tg1

Annunci

Informazioni su Marco Bariletti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: